E’ arrivato il basilico! :)

In questi giorni, nei nostri campi è cresciuto il basilico: è pronto per essere raccolto ed è profumatissimo!
E’ il momento ideale per prenderne un pò e per utilizzarlo sia fresco, ma soprattutto per fare il pesto!

basilico nel campo
Basilico nel campo pronto alla raccolta. Foto scattata subito dopo la pioggia (curiosità: il filo che vedi di fianco è un filo che da una scossa innocua, ma fastidiosa, se viene toccato. E’ lì per proteggere i nostri campi e la nostra verdura dai cinghiali e da altri animali selvatici, che altrimenti mangerebbero volentieri tutto).

Questo è uno dei momenti migliori per il basilico per più motivi:

-è un ottimo periodo per il basilico fresco e di stagione
-è molto delicato e anche se teoricamente dovrebbe esserci ancora per un pò, tra il tempo pazzo e la facilità con cui si ammala (è più a rischio essendo naturale e non trattato) potremmo rimanere con poco basilico più avanti.
-è venduto a mazzetti e un mazzetto solitamente è abbastanza per fare una porzione abbondante di pesto classico per 6 persone.

In questo momento ce n’è in abbondanza ed è davvero profumatissimo! Se ti piace il pesto, ti lasciamo anche la ricetta che usiamo noi solitamente, una tra le più classiche che si può trovare! 🙂

Ingredienti:
-80g di basilico in foglie
-50g di parmigiano a tocchetti
-30g di pecorino a tocchetti
-30g di pinoli
-1 spicchio di aglio
-150g di olio extravergine d’oliva
-un pizzico di sale

Preparazione:
-Lavare delicatamente le foglie di basilico, asciugarle bene con carta assorbente da cucina, facendo attenzione a non ammaccarle/stropicciarle
-Tritare insieme il parmigiano, il pecorino, i pinoli, l’aglio e il basilico (se usi il bimby, noi solitamente lo tritiamo per 20 secondi a velocità 7)
-Unire l’olio e il sale ed emulsionare (anche qui se usi il bimby, noi di solito lo facciamo girare per 20 secondi a velocità 4)

Lo potrai usare per condire tante cose diverse, come per esempio pasta, gnocchi o lasagne. O lo potrai conservare per qualche giorno in un vasetto di vetro ricoperto con un filo d’olio extravergine d’oliva (meglio se in frigo).
Un consiglio: per ottenere un ottimo pesto, è importante che le foglie di basilico siano ben asciutte, ma che non siano assolutamente ne stroppiciate, ne ammacate, altrimenti si rischierebbe di avere un pesto verde scuro e con un aroma erbaceo.

ps: se in famiglia hai una persona che non può o non vuole mangiare latticini e/o aglio o se semplicemente ti piace sperimentare, a volte noi facciamo una versione senza aglio e senza formaggi (ne pecorino, ne parmigiano) e, anche se potrebbe sembrare una”rinuncia” troppo grande, ne viene fuori un pesto molto delicato, in cui il gusto del basilico è ancora più esaltato.

basilico nel campo
Basilico nel campo, illuminato dagli ultimi raggi del sole del tardo pomeriggio, dopo una forte pioggia. Anche questo è pronto per essere raccolto (curiosità: ho fatto le foto ieri, ma solo a vederle, mi sembra di sentirne ancora il profumo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 13 =

RSS
Follow by Email